Socio-amministratore e abituale ingerenza nel ciclo produttivo, gli elementi di valutazione ai fini Inps


Socio-amministratore e abituale ingerenza nel ciclo produttivo, gli elementi di valutazione ai fini Inps



Ai fini dell’iscrizione del socio amministratore di SRL alla Gestione commercianti, la prova del personale apporto all’attività di impresa, con diretta ed abituale ingerenza dell’amministratore nel ciclo produttivo della stessa, deve essere fornita dall’Inps e valutata dal giudice di merito in modo puntuale e rigoroso, sulla base di precisi elementi, quali: la complessità o meno dell’impresa, l’esistenza o meno di dipendenti e/o collaboratori, la loro qualifica e le loro mansioni (Corte di Cassazione, ordinanza 26 luglio 2019, n. 20372).


Una Corte d’appello territoriale, confermando la decisione resa dal Tribunale di prime cure, aveva accolto l’opposizione proposta da un socio amministratore di SRL nei confronti dell’Inps, avverso la cartella esattoriale notificata per la riscossione di contributi e sanzioni per mancata iscrizione alla Gestione commercianti. La Corte territoriale aveva ritenuto la non ravvisabilità dei presupposti per la iscrizione del socio, già iscritto come amministratore alla Gestione separata (art. 2, co. 26, L. n. 335/1995), anche alla Gestione commercianti, non risultando l’attività lavorativa svolta dal medesimo nell’ambito di SRL, caratterizzata dal requisito della prevalenza con riguardo all’opera prestata nelle altre Società di cui era amministratore.
Ricorre così in Cassazione l’Inps, lamentando la non conformità a diritto della pronunzia della Corte di merito, in quanto la partecipazione al lavoro aziendale è riconducibile l’espletamento, oltre che di un’attività esecutiva o materiale, anche di un’attività organizzativa e direttiva, tuttavia distinguibile dall’attività di amministratore della società e destinata a concretarsi nel compimento di alcuni atti tipici riservati dalla legge.
Per la Suprema Corte il motivo non è fondato. L’esercizio di attività di lavoro autonomo, soggetto a contribuzione nella Gestione separata, che si accompagna all’esercizio di attività di impresa commerciale, artigiana o agricola, la quale di per sé comporti l’obbligo dell’iscrizione alla relativa gestione assicurativa presso l’Inps, non è regolato dal principio dell’attività prevalente, trattandosi di attività distinte e, sotto questo profilo, autonome, sicché parimenti distinto ed autonomo resta l’obbligo assicurativo nelle rispettive gestioni. Pertanto, deve ritenersi che ognuna delle due distinte attività debba essere valutata, ai fini dell’esistenza dell’obbligo contributivo secondo gli ordinari criteri, cosicché la sussistenza di un’attività comportante l’obbligo contributivo nei confronti della Gestione commercianti va valutata con i criteri che le sono propri (art. 1, co. 203, L. n. 662/1996).
Orbene, la verifica della sussistenza dei requisiti di legge per tale “coesistenza” è compito del giudice di merito e deve essere effettuata in modo puntuale e rigoroso, potendo assumere rilevanza ai fini di tale valutazione e, quindi, della prova del personale apporto all’attività di impresa con diretta ed abituale ingerenza dell’amministratore nel ciclo produttivo della stessa, elementi quali: la complessità o meno dell’impresa, l’esistenza o meno di dipendenti e/o collaboratori, la loro qualifica e le loro mansioni. Quanto all’onere probatorio, che secondo le ordinarie regole grava sull’ente previdenziale, tenuto a provare i fatti costitutivi dell’obbligo contributivo, esso deve essere compiutamente assolto.
Nel caso di specie, però, ciò non si concretizzava in quanto la Corte aveva correttamente rilevato che l’attività svolta dal socio implicava l’espletamento presso la SRL di compiti riconducibili al ruolo gestorio da questi ricoperto, contestualmente all’espletamento di analogo incarico presso altre società, escludendo, con accertamento di fatto in alcun modo investito di censura, l’obbligo del medesimo all’iscrizione presso la Gestione commercianti.


Attività dello Studio

Le attività dello Studio Nichinonni comprendono il complesso sistema delle attività e obblighi normativi sia per le aziende che per i privati, in un constesto di continuo aggiornamento e

studio-nichinonni-attivita

Chi Siamo

Lo Studio Nichinonni Lucio è attivo dal 1984 e si compone del Dott. Nichinonni Lucio fondatore dello studio e delle collaboratrici Russiello Anna e Bisonni Milena. Il dott. Nichinonni Lucio è

studio-nichinonni-chi-siamo-21-235x100