Alle dipendenze del committente principale: decadenza del regime forfetario

Se in corso d’anno, all’attività di lavoro autonomo professionale si affianca la medesima attività svolta alle dipendenze del principale committente, si configura la causa ostativa all’applicazione del regime forfetario, ma la decadenza ha effetto dall’anno successivo. Per l’anno in corso resta ferma l’applicazione del regime agevolato (Agenzia delle Entrate – Risposta a interpello n. 399 del 2019)

Tra le cause ostative all’applicazione del regime forfetario per gli imprenditori individuali ed i professionisti è previsto che non possono applicare il regime forfetario le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro.
Si tratta di una nuova causa ostativa introdotta con effetto dal 2019 che risponde alla ratio di evitare artificiose trasformazioni di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo, prevedendo a tal fine un periodo di sorveglianza.
Riguardo alla decorrenza della causa ostativa, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che ai fini della verifica delle stessa assume rilevanza l’anno di applicazione del regime e non l’anno precedente, dal momento che il requisito della prevalenza può essere verificato solo al termine del periodo d’imposta di applicazione del regime forfetario.
Pertanto, in linea generale il contribuente può applicare per il 2019 il regime forfetario in quanto la presenza della causa ostativa va valutata alla fine di detto anno e – ove ne sia accertata l’esistenza – decadrà dal regime nel 2020.
In proposito, l’Agenzia delle Entrate ha confermato che nel caso di un imprenditore/professionista in regime forfetario, il quale nel corso del 2019 sia assunto con un contratto di lavoro subordinato dal suo principale committente, resta ferma la possibilità di applicare il regime forfetario limitatamente ai redditi di lavoro autonomo percepiti nel 2019, con decadenza nel 2020, avendo integrato la causa ostativa della “prevalenza”.
Laddove, poi, l’attività di lavoro autonomo sia cessata entro la fine dell’anno, con chiusura della relativa partita IVA, la decadenza resterà assorbita dalla cessazione.

Attività dello Studio

Le attività dello Studio Nichinonni comprendono il complesso sistema delle attività e obblighi normativi sia per le aziende che per i privati, in un constesto di continuo aggiornamento e

studio-nichinonni-attivita

Chi Siamo

Lo Studio Nichinonni Lucio è attivo dal 1984 e si compone del Dott. Nichinonni Lucio fondatore dello studio e delle collaboratrici Russiello Anna e Bisonni Milena. Il dott. Nichinonni Lucio è

studio-nichinonni-chi-siamo-21-235x100